Lo vogliamo veramente? - mangiopositivo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Consigli utili
 






RIFLESSIONI



È fondamentale capire perché il peso è un problema così importante per noi. Ma soprattutto perché in questo aspetto della nostra vita siamo così una frana. Magari sul lavoro siamo produttive e stimate. Siamo ricercate dagli amici per la nostra allegria e dalle amiche per la nostra empatia.
Perché se siamo così brave in tutto sul peso siamo un disastro?

Innanzi tutto:

• il nostro peso è sempre stato quello di adesso?
• quando ha cominciato a cambiare?
• con le gravidanze il nostro peso è cresciuto e non riusciamo a tornare come prima?

Poniamoci questo tipo di domande e cerchiamo di capire cosa può aver favorito la variazione del peso corporeo. Il cambiamento ha coinciso con qualcosa di grave o di molto importante, successo in quel periodo della nostra vita? Per esempio un grave lutto familiare, una separazione, la perdita del lavoro, un nuovo fidanzato? Concentriamoci su queste coincidenze perché spesso nascondono delle  sfaccettature di cui non ci rendiamo conto. L'evento traumatico può aver generato una situazione di instabilità emotiva facendoci mangiare di più o di meno. Ricordiamo che il cibo è  una delle più valvole di sfogo più a portata di mano.

Il pensionamento, per esempio, o la menopausa che abbassa i consumi possono favorire un aumento del peso. In questi casi però può essere sufficiente aumentare il movimento fisico e regolarizzare un po’ il mangiare.
Se però abbiamo fatto vari tentativi senza nessun risultato apprezzabile e il pensiero del numero dei nostri chili, troppi o troppo pochi, non vuole piantarla di assillarci allora la questione è più complicata.




                                                                           


Partiamo dal concetto che cambiare quella magica cifra non cambia l’essenza della persona, in poche parole i nostri pregi e difetti restano gli stessi. Cambia però moltissimo il nostro impatto sul mondo esterno e la percezione che gli altri hanno di noi.


Detto questo dividete un foglio a metà e provate a fare uno schema molto semplice:

VANTAGGI DELLA PERDITA DI PESO O DELL'AUMENTO DI PESO

ESEMPI

  • l'aumento del peso o la sua diminuzione migliora il mio stato di salute     

  • divento più bella

  • vengo più cercata dagli uomini

  • posso mettere abiti che mi piacciono

  • i colleghi maschi diventano più galanti e meno competitivi



SVANTAGGI DELLA PERDITA DI PESO O DELL'AUMENTO DI PESO

ESEMPI

  • migliora il mio stato di salute, non posso più lamentarmi e usare il peso come giustificazione

  • divento più sexi, gli uomini mi cercano di più e questo mi spaventa

  • le donne si ingelosiscono di me

  • le mie doti intellettuali vengono meno notate

  • attiro anche uomini che non mi interessano



Una volta fatto questo schema cerchiamo di concentrarci su cosa queste modificazioni comportano nella nostra vita quotidiana. Questo lavoro è molto utile per capire quali sono i fattori più o meno nascosti che concorrono a mantenere il nostro cruccio.

Può sembrare impossibile che il calo di peso possa avere degli svantaggi ma invece è così.
A volte venivano da me delle donne che volevano dimagrire per riconquistare il marito. In questi casi dimagrire può voler dire rendersi conto e prendere atto del fatto che il matrimonio è finito. Restando sovrappeso si può continuare a far finta di credere che il problema sia l'essere meno attraenti mentre invece c’è ben altro.
Oppure abbandonare un peso troppo basso può voler dire perdere agli occhi di chi ci circonda l'aspetto fragile che ci fa sembrare sempre bisognose di aiuto.
Risultato: gli altri saranno meno protettivi e pretenderanno di più da noi.
Questo, ovviamente, è solo un esempio ci possono essere centomila situazioni diverse. Capire cosa sta sotto alle nostre voglie alimentari  è di primaria importanza.


Dietro il nostro modo di agire c’è un pensiero sbagliato ed è da là che dobbiamo partire.




       

 
Torna ai contenuti | Torna al menu