Come organizzare un gruppo di autoaiuto - mangiopositivo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi sono
 


ORGANIZZARE UN GRUPPO DI AUTO-MUTUO AIUTO



Che cos’è un gruppo di auto aiuto? E’un insieme di persone con lo stesso genere di problema. Questa pratica mette in primo piano il cittadino come protagonista attivo nella risposta ai disagi e problemi quotidiani. I gruppi di auto-aiuto sono caratterizzati dal fatto che il sapere in queste situazioni si diffonde in modo orizzontale perché tutti sono allo stesso livello e ogni individuo riceve e dà sostegno allo stesso tempo. Questo doppio ruolo fa si che le informazioni circolino più velocemente e in maniera più efficace.



PERCHE’ ORGANIZZARE UN GRUPPO DI AUTO AIUTO



• Per fornire un supporto emotivo

• Per fornire un supporto informativo

• Per dare un aiuto materiale

• Per un’azione politico- sociale a difesa dei diritti di ogni persona


PROBLEMATICHE



Qualsiasi tipo di patologia può trovare giovamento da un trattamento di gruppo. In America l'utilizzo della terapia di gruppo è molto diffuso e si usa in molti campi. In Italia questo tipo di approccio viene usato soprattutto per i disturbi psichici, l’alcolismo, le donne mastectomizzate, i disturbi di peso. L’accento sulla parità dei membri rende tutti ugualmente responsabili dei risultati raggiunti e dei servizi forniti. Il clima è spontaneo ed informale e il fatto di dare aiuto, oltre che riceverlo, aiuta a liberarsi dal senso di impotenza e di sfiducia in se stessi che spesso provano i pazienti. Aiutare gli altri accresce la propria autostima, aumenta il livello di competenza interpersonale. La persona nota che riesce ad ottenere un equilibrio tra il dare e l’avere, e riproponendole ad altri, consolida quelle strategie di cambiamento che ha acquisito a sua volta.



TROVARE UN NOME


Può essere utile trovare un nome alla vostra iniziativa che identifichi il tipo di incontri e la tematica che trattano. Per esempio se si parla di malattie metaboliche come diabete o ipertensione ecc. potrebbe essere «VIVALASALUTE», oppure di maltrattamenti alle donne «BASTASUBIRE». Il nome ideale dovrebbe dare un’idea dell’argomento trattato ma anche comunicare una volontà di cambiamento e di lotta.



LA SEDE



La prima cosa da fare è verificare che non esistano altri gruppi dello stesso tipo nella propria zona. Una volta verificato questo possiamo partire col cercare un luogo per le nostre riunioni.
La sede del nostro gruppo di auto-aiuto deve avere precisi requisiti:
• Deve essere facilmente raggiungibile, quindi ben servita da mezzi pubblici e con possibilità di parcheggio.
•  Deve essere accessibile a tutti, anche ai disabili.
• Deve essere svincolata da qualsiasi finalità che non sia quella del benessere dei partecipanti.
In genere questo tipo di incontri di pubblica utilità si fa nei centri sociali o in locali parrocchiali. Se non riusciamo a trovare una sede adatta possiamo chiedere aiuto alle assistenti sociali del comune o dell’ASL. E’ sconsigliabile usare la propria abitazione, anche se spaziosa, perché l’ambiente dove ci si incontra deve essere il più neutro possibile.



ORGANIZZARE LA PUBBLICITA’



Pubblicizzare il nostro gruppo è molto importante. E’ opportuno sfruttare luoghi pubblici come scuole e ospedali, centri giovani, dove c’è un buon passaggio di gente, ma anche bar e supermercati possono essere luoghi dove appendere o mettere a disposizione del materiale da consultare. Se troviamo qualcuno disposto ad aiutarci si può  organizzare anche volantinaggio. Per quanto riguarda i problemi di peso, per la mia esperienza personale, conviene sfruttare gli ambulatori medici, ospedali, luoghi comunque che diano credibilità al nostro lavoro. Altri canali utili e a zero costo sono comunicati nei giornali parrocchiali o altre pubblicazioni che parlino del territorio dove andremo ad operare. Possiamo anche fare articoli sui giornali locali se abbiamo qualche soldo da investire. Una cosa utile può essere quella di spedire qualche volantino con una breve lettera di presentazione dell’iniziativa ai medici di base. L’importante è non demoralizzarsi e armarsi di santa pazienza.



PARTECIPANTI



Il gruppo può essere a numero chiuso o aperto. Per un buon funzionamento degli incontri il numero delle persone è meglio che non sia inferiore a otto o dieci. Un numero troppo elevato di presenze, venti o più, può penalizzare gli individui che fanno fatica a esprimersi. Nei gruppi numerosi è più facile che siano sempre i soliti a parlare ed è più complicato creare dei rapporti di fiducia e confidenza. Se l’affluenza è alta si consiglia di formare più gruppi per favorire il dialogo.



IL FACILITATORE



Il gruppo può prevedere la presenza del facilitatore, ma non è obbligatoria. Il facilitatore è una persona più esperta delle altre nel tema affrontato. Il ruolo di questa figura è quello di aiutare la comunicazione dei partecipanti. Un buon facilitatore non è invasivo. Il che vuol dire che deve cercare di far aprire i timidi lasciando loro i tempi giusti, senza forzarli troppo. Deve saper contenere gli individui troppo esuberanti con garbo per non togliere spazio agli altri partecipanti. Magari li si può stoppare con qualche battuta ironica. Nei casi più ostici (a volte ci si trova davanti persone che è veramente difficile fermare) si deve dire gentilmente - Hai espresso la tua opinione e tutti hanno capito il tuo discorso, adesso sentiamo cosa ne pensa Caia o Tizia.- Nell'esercizio delle sue funzioni questo tipo di figura non deve emergere o mostrare le sue competenze accentrando tutto su di sé (perché io ho fatto, ho detto, mi è successo, sono stato bravo, ecc. ecc) deve soltanto fare in modo che la comunicazione tra i partecipanti sia efficace e il passaggio delle informazioni sia valido. Prima di chiudere le riunioni è molto utile fare un riepilogo di quello che è stato detto per chiarire i concetti e vedere se tutti hanno afferrato il sunto del discorso.
Si può decidere che a rotazione ogni persona per un tot di incontri, due o tre per esempio, può fungere da facilitatore. Il facilitatore deve essere una persona tranquilla e parlare con un tono di voce forte e chiaro. Io prima di condurre i miei gruppi ho frequentato per molto tempo le riunioni degli Alcolisti in Trattamento. Ho avuto la fortuna di frequentare un gruppo in cui l'operatrice era molto in gamba e ho imparato moltissimo nella gestione di un gruppo di auto-aiuto. L'esperienza è stata veramente bella perché il clima di solidarietà e aiuto reciproco era molto tangibile. Uscivo da quelle riunioni con più fiducia nel genere umano.



PRIMO INCONTRO



E’ opportuno disporre le sedie in cerchio per potersi guardare tutti in viso per sottolineare l’uguaglianza dei partecipanti. Cominciare all’ora fissata, senza ritardi è senza dubbio difficile però è molto utile per abituare tutti a rispettare delle regole condivise. Si inizia presentandosi col nome di battesimo, usando il "tu" e spiegando perché si partecipa a questo incontro. Ciò aiuterà a creare tra i presenti un legame di appartenenza. Ogni gruppo si da in genere delle regole proprie a seconda delle esigenze dei membri.
Può iniziare a parlare l’organizzatore del gruppo, chiarendo subito e con decisione alcuni punti:

• Che tutto ciò che verrà detto nel gruppo, nel gruppo rimarrà.

• Che chi non se la sente ancora di parlare, non è obbligato a farlo, non subirà alcuna pressione in tal senso, né verrà giudicato negativamente per questo motivo. Semplicemente "regalerà" le sue confidenze in un altro momento. Tutti hanno i propri tempi e le proprie necessità.

• Che nessuno verrà criticato per quello che fa o non fa, presente o assente che sia.

•Che ogni comportamento dannoso (tipo un cellulare che squilla continuamente) al lavoro dei partecipanti sarà censurato fino ad arrivare, nei casi più gravi, all’espulsione del soggetto molesto.


NB: E' importantissimo che quello che succede durante gli incontri venga riportato su un quaderno che diventerà il diario di bordo del gruppo. A turno un partecipante deve farsi carico di questo compito un po' ingrato ma veramente utilissimo. Quanto scritto va riguardato e commentato alla fine dell’incontro e servirà per trarre spunti per l'ordine del giorno della prossima volta.




INCONTRI SUCCESSIVI



Gli incontri possono essere settimanali o quindicinali, ma è consigliabile non lasciare passare più di due settimane tra un incontro e l’altro. Le riunioni non devono superare le due ore.
Da subito emergeranno bisogni, paure, problemi, ma anche proposte. I primi tre vanno affrontati con calma e senza drammi, le seconde analizzate ed eventualmente accettate. Si possono promuovere attività "ad hoc" come gruppi di incontro medici – pazienti, incontri con legali per conoscere i propri diritti e farli valere, organizzare incontri informali.



ORGANIZZARE UN GRUPPO DI AUTO AIUTO PER PROBLEMI DI PESO



E’ ovvio che l’organizzatore del gruppo di auto aiuto sarà, almeno all’inizio, la persona più esperta di tutte.

Dal momento che i problemi di peso per le donne hanno aspetti molto diversi dal sovrappeso maschile se l’ideazione del progetto prevede la figura del facilitatore io credo sia più opportuno che questo ruolo sia affidato a una donna. Questo non per essere sessisti alla rovescia ma perché un uomo non può capire per ovvi motivi le pressioni sociali e i condizionamenti culturali che affliggono la popolazione femminile.
Neanche se è circondato completamente da donne, sia sul lavoro che in famiglia!


Il primo incontro è dedicato alle presentazioni di tutti i membri. Ognuno deve avere uno spazio e un tempo per parlare. Si può usare un timer per essere sicuri di non sforare coi tempi.
Al secondo incontro è necessario spiegare l’importanza di fare un diario alimentare. Mostrare come si tiene il diario facendo vedere chiaramente un quaderno con la suddivisione delle pagine. Sarebbe bello e utile scrivere nel diario anche quanta attività fisica si è fatta durante la giornata. Bisogna far capire ai partecipanti che fare attività fisica è fondamentale per invertire il bilancio entrate- uscite. Per calare di peso dobbiamo consumare più di quello che introduciamo con gli alimenti e l’unica maniera sana e senza controindicazioni è muoversi di più. Ci si può iscrivere in palestra, ma soprattutto bisogna imparare a sfruttare ogni occasione utile nella vita quotidiana. Quindi cerchiamo di fare le scale e non usare l'ascensore, parcheggiamo l'auto un po' lontano e camminiamo, andiamo in bicicletta. Il supporto del gruppo per cominciare a fare attività fisica è molto utile. Per esempio insieme si possono fare passeggiate a piedi o in bicicletta, escursioni con facili camminate.
A tutti deve essere chiaro perché è importante segnare i punteggi per la fame e la sazietà. Questi punteggi servono per imparare a gestire le nostre emozioni nei confronti del cibo. Il quaderno con le riflessioni e i pasti deve essere portato ad ogni incontro.
Al terzo appuntamento si può iniziare a chiarire cosa si intende per pasto equilibrato. Può essere utile distribuire dei volantini con lo schema dei quattro gruppi alimentari (pareti, tetto, chiave e lucchetto) o la piramide alimentare. Alla fine dell’incontro tutti devono aver capito che il pasto sano è quello ricco di frutta e verdura.


AUTOSTIMA



La lettura di un buon manuale sull'autostima, può essere molto coinvolgente. L'autostima è un punto essenziale nel processo di cambiamento che stiamo intraprendendo. La scarsa opinione che abbiamo di noi stessi ci porta a sfogare la nostra frustrazione in qualcosa che non dice mai di no: LA NUTELLA!
Affrontare queste tematiche vuol dire essere pronti anche alle lacrime perché spesso riaffiorano ricordi dolorosi. Ma il gruppo è utile proprio in questi casi. Non ci fa sentire soli.



IMMAGINE CORPOREA



Quando il gruppo è ben avviato si può provare anche a parlare di immagine corporea.
A questo scopo si inviteranno le partecipanti a fare a casa un disegno a figura intera di se stesse che verrà portato e discusso insieme nell’incontro successivo. Le osservazioni di tutte sui disegni eseguiti da ogni membro del gruppo forniscono utilissimi spunti di discussione e riflessione sull’idea che ognuna ha di se stessa. Anche la facilitatrice è importante che mostri il suo disegno di sé per aiutare le altre a vincere paure e reticenze. L’analisi della propria immagine mentale e fisica è un punto fondamentale da cui può veramente iniziare una piccola rivoluzione. Nei gruppi che ho gestito io questo tipo di lavoro dava a volte risultati stupefacenti. C’erano alcune donne che si disegnavano con le mutande, altre con piedi enormi a volte, invece, piccolissimi. Una si è disegnata prima e dopo il gruppo. Prima aveva il muso lungo era sempre triste, dopo aveva un sorriso enorme. Era circondata completamente da piccoli sorrisi. Sotto aveva scritto :


SE IO SORRIDO ANCHE GLI ALTRI MI SORRIDONO!


Un grande successo perché aveva capito che il cambiamento deve partire da noi stesse. Per me è stata una grande soddisfazione!


Una cosa carina può essere portare delle riviste di moda e commentarle insieme. Può aiutarci a renderci conto di quanto quelle donne che popolano questo tipo di giornali siano lontane dalla vita di ogni giorno.


Certe volte le persone possono manifestare il desiderio di pesarsi insieme agli altri. Questa iniziativa, se condivisa da tutti, non va ostacolata. Può anzi essere d’aiuto nel vincere il terrore della bilancia. I fallimenti se affrontati insieme a delle compagne possono essere accettati più facilmente. E' fondamentale capire il perché del fallimento affinché diventi utile in futuro. Comunque si imparano molte più cose nei periodo difficili e dagli errori che quando si è tranquilli e va tutto liscio. Infatti quando non ci sono problemi e tutto va bene è molto facile rispettare le regole.
E ricordiamo un errore non è la fine del mondo!


COSTI



Normalmente la partecipazione a questo tipo di gruppi è gratuita perchè si sfruttano locali del comune o della parrocchia. Se però la sede che abbiamo trovato prevede dei costi saranno ovviamente a carico dei partecipanti. Si può in questi casi stabilire di versare una cifra mensile tenendo una semplice contabilità delle spese. Bisogna in tal caso trovare qualcuno che si occupi di questi aspetti. Si può decidere che sia il facilitatore di turno che gestisce i conti. Chi ha dei manuali sul peso e sul cibo o qualsiasi altro materiale che ritiene utile può metterlo a disposizione e condividerlo con gli altri. Una ottima iniziativa è quella di creare una biblioteca a disposizione dei componenti del gruppo.


Alcuni individui possono decidere di non frequentare più le riunioni: è importante non ostacolare queste decisioni. Ognuno deve sentirsi libero di fare quello che è meglio per sè senza per questo sentirsi criticato o colpevolizzato. Se riusciamo a gestire bene gli abbandoni può darsi che la persona ritorni in futuro.


BUON LAVORO!





 
Torna ai contenuti | Torna al menu